Il valore della persona dà valore alla professione di assicuratore

Quanto conta il valore della persona nella professione di assicuratore?

Penso sia accaduto a molti di vivere una situazione in cui una stessa proposta se fatta da una persona viene accettata, se fatta da un’altra, viene, invece, rifiutata.

Eppure la proposta è la stessa! Perché allora questa differenza di comportamento e di risultato?

È facile giungere alla conclusione: se la proposta è la stessa, ciò che fa la differenza e porta al risultato è la persona!

In altri termini, poiché ci fidiamo della persona, quanto essa ci propone ha per noi un valore maggiore rispetto alla stessa proposta pervenuta da una persona in cui abbiamo meno fiducia.

L’assunto è semplice, se non banale, ma, spostandoci sul campo della distribuzione assicurativa, quanto se ne tiene conto?

Sappiamo che il mondo economico è fortemente basato sulla concorrenza, talvolta spinta, talvolta estrema. Ed altrettanto sui risultati di breve termine: l’unica cosa che conta è che il premio sia pagato.

Come la fretta, anche le gare di vendita sono cattive consigliere. Certamente lo sono, cattive consigliere, per gli agenti che guardano al futuro.

La loro impresa deve vivere e dare risultati nel tempo, perché su di essa si basano le attese e le prospettive di molte persone, oltre che dell’agente stesso.

Quindi dimostrarsi affidabile come persona, prima ancora che come professionista è una premessa importante, talvolta decisiva, per sviluppare gli affari.

Allora, riservare uno spazio a se stessi, alla propria crescita personale e professionale, non è una perdita di tempo, ma un investimento per lo sviluppo della propria professione.

Certo, non rientra negli usuali input alle vendite che giungono dalle compagnie, ma vale la spesa ritornare all’incipit: a parità di proposta è il valore della persona che fa la differenza. Non siete d’accordo?

Se hai trovato interessante questo post, condividilo con i tuoi amici e lasciaci un commento qui sotto. Grazie!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Informazioni su Roberto Marrella

Genovese, ingegnere, vivo ora a Verona. Ho sviluppato la mia esperienza professionale come consulente industriale, manager in gruppi assicurativi e bancari internazionali e attraverso responsabilità in enti associativi dei consumatori, sociali e culturali di rilievo nazionale. Partecipo ai gruppi di lavoro ed alle proposte formative di Parliamo di Assicurazioni con un contributo multidisciplinare, nell’ottica di un mondo assicurativo più vicino alle persone, adeguato ai tempi ed utile al sistema-paese.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

4 commenti

  1. Barbara Mazzotta

    Certo che sì! Per dare un’idea più semplice e alla portata di tutti, anche non assicuratori, alzi la mano a chi non è mai capitato di comprare lo stesso chilo di pane da “quel” panettiere e non “da un” panettiere.

    • Al successo di ogni attività contribuisce in modo significativo la persona che la svolge, con la sua competenza, la sua passione ed il suo modo di svolgere proprio quel lavoro, che è sempre riconducibile alle motivazioni profonde per cui ha scelto proprio quello e non un altro e al valore che vuole portare nella vita delle persone svolgendolo ogni giorno, fosse anche solo il piacere di gustare un buon pane croccante offerto con l’aggiunta di un sorriso e una parola gentile.

  2. Influisce a tal punto che, di frequente, è come se il cliente comprasse proprio l’assicuratore per primo. Tutte le soluzioni che sottoscrive successivamente sono solo una conseguenza del suo primo acquisto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.