Essere assicuratore al tempo dei social

Percorso di formazione per assicuratori che voglio riappropriarsi del proprio ruolo sociale e vogliono promuoversi creando cultura assicurativa.

Essere assicuratore al tempo dei social

I dati ANIA ci dicono che, nel 2018, gli Italiani hanno speso 17 miliardi in assicurazioni del ramo danni, incluse le polizze malattia, 4 miliardi in coperture TCM, 164 milioni in coperture LTC e 37 miliardi piani pensionistici.

Al tempo stesso il Libro Blu dell’Agenzia delle Dogane ci dice che gli Italiani, nello stesso anno, hanno speso 107 miliardi nel gioco.

Da ultimo, l’edizione 2018 dell’Indagine sul Risparmio e sulle Scelte Finanziarie degli Italiani, realizzata dal Centro Einaudi e da Intesa Sanpaolo, ci dice che ben il 43% delle famiglie ammette di risparmiare per “far fronte agli imprevisti”.

Perché gli Italiani spendono più nel gioco che nelle assicurazioni? E perché preferiscono risparmiare per “far fronte agli imprevisti”, anziché assicurarsi?

Hanno una percezione del rischio distorta o assente o hanno solo una scarsa educazione assicurativa e finanziaria?

E cosa possiamo fare noi assicuratori affinché un numero sempre maggiore di Italiani cominci ad integrare le assicurazioni nella propria pianificazione finanziaria, in modo da proteggersi per un numero di imprevisti maggiore con un impegno economico minore rispetto al semplice “risparmiare per far fronte agli imprevisti”?

Per rispondere a tutte queste domande dobbiamo ripartire da noi, dal ruolo sociale della nostra professione, e chiederci chi vogliamo tutelare, rispetto a quali rischi, con quali strumenti, offerti da quali partner.

Dobbiamo anche chiederci che tipo di relazione vogliamo avere con i nostri partner, qual è la nostra strategia di business e quali le nostre strategie di marketing, online e offline.

Una volta davanti al cliente, come prima cosa, dobbiamo saper comprendere dove si trova, rispetto alla percezione del rischio e delle assicurazioni come strumenti di tutela.

Essere Assicuratore al tempo dei Social è un percorso di formazione che si propone di fornire le competenze necessarie a farci diventare professionisti consapevoli del proprio ruolo sociale, con una vision e una mission, capaci di portare le persone che incontriamo a riflettere sui propri rischi e su come le assicurazioni possono aiutarle a gestirli.

Da agenzia di assicurazioni a impresa

Avere gli strumenti assicurativi adeguati alle esigenze delle persone che abbiamo scelto di assicurare, sapere come sensibilizzare quelle persone rispetto ai rischi che corrono, sapersi promuovere in modo da creare fiducia e acquisire autorevolezza agli occhi dei nostri potenziali clienti, può non bastare per distinguersi e fare la differenza nel mondo delle assicurazioni.

I consulenti assicurativi sono degli imprenditori e, per stare sul mercato, hanno bisogno di acquisire anche competenze di gestione d’impresa, partendo da sé e dalla definizione del proprio ruolo, per poi arrivare alla definizione della propria vision e della propria mission e, quindi, a definire le proprie strategie imprenditoriali.

Avere chiaro chi siamo, che obiettivi abbiamo, a chi ci rivolgiamo, per risolvere quali problemi e con quali strumenti, ci permette di individuare i nostri punti forza e di utilizzarli per differenziarci dalla concorrenza

Sapere in cosa ci vogliamo distinguere, partendo dai problemi che vogliamo risolvere e dalle persone a cui li vogliamo risolvere, ci permette di impostare la nostra comunicazione e la nostra strategia di marketing in modo più efficace.

Conoscere la redditività degli strumenti assicurativi con cui vogliamo risolvere i problemi dei nostri clienti, ci permette di impostare le nostre strategie commerciali e definire i nostri obiettivi economici, tenendo conto anche dei costi dell’organizzazione che ci siamo dati.

Tutte queste cose insieme, ci permettono di mettere a punto una strategia aziendale efficace, che tenga conto dell’evoluzione del mercato e risponda in modo più efficace ai bisogni del cliente.

Dalla percezione del rischio alla sua gestione

Per portare le persone ad assicurarsi, dobbiamo saper comprendere come funziona la psiche delle persone rispetto al rischio e alla tutela dal rischio, dopodiché dobbiamo sapere aiutare quelle persone a prendere coscienza dei propri rischi e delle conseguenze economiche che possono trovarsi a dover affrontare, casomai quei rischi si trasformassero in danni.

Per rendere la nostra analisi dei rischi ancora più efficace, dobbiamo conoscere i principi del risk management.

Quei principi ci torneranno utili quando, dopo che abbiamo portato le persone a prendere coscienza dei rischi che corrono, dovremo aiutarle ad elaborare un piano di protezione assicurativa, con cui trasferire ad una compogania di assicurazioni i rischi che ritengono più gravi.

Il percorso formativo vuole fornire agli assicuratori i principi del counseling e del risk management affinche siano in grado di:

  • verificare il livello di percezione del rischio,
  • rendere maggiormente consapevoli le persone dei rischi che corrono,fare una corretta analisi dei rischi,
  • proporre piani assicurativi adeguati.

Promuoversi con il content marketing e il social selling

Compreso come rendere consapevoli dei propri rischi le persone, come aiutarle a proteggersi e con quali strumenti, dobbiamo imparare a promuoverci per entrare in contatto con nuovi potenziali clienti che abbiano fiducia in noi e scelgano di affidarsi a noi.

Una volta individuati i tipi di rischi per cui vogliamo fornire soluzioni, il content marketing ed il social selling ci permettono di sensibilizzare le persone rispetto a quei rischi e di far vedere loro come un’assicurazione ci può aiutare ad affrontare le conseguenze che ne possono derivarne.

Creare cultura assicurativa con il content marketing e diffonderla con il social selling ci permette di raggiungere il duplice obiettivo di educare le persone alla corretta percezione del rischio e all’uso consapevole delle assicurazioni e di affermare, al tempo stesso, la nostra professionalità.

In particolare il social selling ci permette di entrare in contatto proprio con le persone a cui siamo in grado di offrire soluzioni e ci permette di acquisire la loro fiducia, ancor prima di incontrarle di persona.

Come è possibile promuoversi sul web condividendo contenuti che aiutino le persone a diventare più consapevoli dei rischi che corrono e di come possono proteggersi? Qual è il canale social che fa al caso dell’assicuratore. Come usarlo in modo strategico? Come si crea un piano editoriale efficace? Come si possono usare i social per fare customer care?

Queste sono alcune delle domande che troveranno risposta durante il corso, che vive anche momenti di esercitazione pratica.

Welfare & Co.

Trasformarsi da agenzia di assicurazioni a impresa vuol anche dire decidere in quali rischi specializzarsi per differenziarsi dai propri competitor ed offrire una consulenza maggiormente qualificata.

Parliamo di Assicurazioni ti mette a disposizione un percorso di specializzazione nei rischi della persona legati alla salute, alla longevità, alla inadeguatezza delle pensioni, affrontandoli anche in ottica di welfare aziendale.

In questo modo, oltre ad aiutare le persone ad avere un maggior benessere economico, e quindi una migliore qualità della vita, potrai anche aiutare gli imprenditori a creare maggior benessere per i propri dipendenti, diminuendo i costi aziendali e aumentando il valore economico dei benefit elargiti, grazie ai vantaggi fiscali legati al welfare aziendale, a vantaggio di dipendenti e imprenditori.

Oltre all’opportunità di specializzarti in welfare, ti diamo la possibilità di specializzarti in protezione del patrimonio personale, familiare, aziendale e in consulenza nel passaggio generazionale.

La protezione del patrimonio comincia con la tutela del patrimonio immobiliare, ad esempio la casa, dai rischi come l’incendio, il terremoto e i grossi eventi climatici (i cosiddetti rischi catastrofali) e prosegue con la tutela del patrimonio mobiliare e immobiliare dai danni che potremmo causare ad altri e che potremmo dover risarcire attingendo a ciò che possediamo (responsabilità civile), fino ad arrivare alla tutela per il mancato reddito legato alla premorienza.

C’è poi un altro tipo di tutela del patrimonio: la trasmissione del patrimonio mobiliare e immobiliare ai nostri eredi. Sapere come, grazie alle assicurazioni, possiamo aiutare i nostri clienti a predisporre il passaggio generazionale, ci permette di offrire una consulenza ad alto valore aggiunto ai nostri clienti.

Welfare della persona e welfare aziendale

Il percorso ha come obiettivo individuare il perimetro del nostro potenziale mercato welfare, acquisire le conoscenze e le informazioni adeguate ad essere riconosciuti come consulenti di welfare, fornire strumenti e soluzioni concrete ed operative per essere protagonisti e fare la differenza.

Il primo modulo va ad approfondire le normative che regolamentano il welfare aziendale e la sua fiscalità e illustra come e quali strumenti assicurativi a tutela della persona possono essere interiti in un piano di welfare aziendale.

Il secondo modulo approfondisce le normative sulla previdenza integrativa, esamina la differenza tra i vari strumenti di previdenza integrativa e come inserirli in un piano di previdenza integrativa personale o di welfare aziendale.

Il terzo modulo esaminale varie soluzioni di sanità integrativa di tipo assicurativo e mutualistico e spiega quali possono essere inserite in un piano di welfare aziendale e con quali vincoli.

La protezione del patrimonio e il passaggio generazionale

La tutela del patrimonio mobiliare e immobiliare è lo scopo per cui sono nate le assicurazioni e conoscere la situazione patrimoniale del nostro cliente è il punto di partenza per poter predisporre un piano assicurativo che gli permetta di tutelarlo.

Un piano assicurativo adeguato deve tutelare il patrimonio non solo dai rischi che possono colpirlo direttamente, ma anche dai danni che il cliente può dover risarcire a terzi.

Il patrimonio deve essere tutelato anche dalla mancata produzione di reddito per premorienza, invalidità grave o perdita di autosufficienza.

Un altro evento che può mettere a rischio il patrimonio, se non è gestito in modo adeguato, è il passaggio generazionale.

Il percorso formativo il PROTEZIONE DEL PATRIMONIO E PASSAGGIO GENERAZIONALE vuole fornire agli assicuratori le competenze ed il metodo di analisi che gli permettano di saper valutare, in modo adeguato, tutti gli aspetti che riguardano la tutela del patrimonio mobiliare e immobiliare dei propri clienti, dalla tutela della casa e degli immobili aziendali da incendio, terremoto e gravi eventi climatici, alla tutela del patrimonio dai danni causati a terzi nella vita privata e in quella professionale, fino alla corretta pianificazione del passaggio generazionale che includa anche le assicurazioni come strumento di pianificazione successoria.

Perché dovresti partecipare a Essere assicuratore al tempo dei social?

Perché sei un giovane assicuratore e vuoi acquisire le competenze che ti permettano di affermarti come consulente assicurativo capace di aiutare le persone a valutare in modo adeguato i rischi a cui sono esposte e a scegliere consapevolmente e responsabilmente per quali assicurarsi.

Al tempo stesso vuoi farti conoscere online come professionista qualificato, che ha a cuore la sicurezza delle persone e le aiuta a comprendere meglio come le assicurazioni possano essere un valido strumento di pianificazione finanziaria.

Perché sei un veterano delle assicurazioni e sai che, per poter continuare a stare sul mercato, hai bisogno di dare al cliente un valore aggiunto che altri canali di intermediazione, per la loro stessa natura, non possono dare.

Essere assicuratore al tempo dei social è il percorso che ti permette di acquisire le competenze indispensabili per riaffermare il ruolo sociale del consulente assicurativo come colui che aiuta le persone a proteggere ciò che hanno, costruirsi capitali che le sosterranno in futuro e accrescere il benessere del contesto sociale in cui vivono e lavorano.

La formazione in aula di Parliamo di Assicurazioni è
FORMAZIONE CERTIFICABILE AI FINI IVASS
grazie alla collaborazione tra Parliamo di Assicurazioni e Atoma srl.

In attesa di riprendere la formazione in aula, richiedi le nostre guide gratuite!


OMAGGIO PER TE

Richiedi le guide gratuite di Parliamo di Assicurazioni

Aumenta la tua efficacia in consulenza,
nel promuoverti online e nel gestire la tua attività

Strategie di inbound marketing per assicuratori

Essere assicuratore al tempo dei social richiede nuove competenze e ancor più le richiede essere assicuratore dopo COVID-19. Tra le competenze che possono aiutarti ad affrontare meglio i cambiamenti in atto, noi di Parliamo di Assicurazioni ti aiutiamo a sviluppare quelle che ti permetteranno di:

  • aumentare l’opportunità di entrare in contatto con persone relamente interessate ad assicurarsi, grazie alle strategie in inbound marketing per assicuratori,
  • essere più efficace in consulenza, grazie ai principi del counseling assicurativo e del risk management,
  • affrontare meglio le sfide del mercato, grazie ai principi della gestione d’impresa applicati alla tua attività.

Troverai spunti su come promuoverti online creando cultura assicurativa e come aumentare la tua efficacia in consulenza. Troverai anche spunti per migliorare la redditività della tua attività. Qui troverai anche una serie di libri consigliati da Parliamo di Assicurazioni, che ti saranno utili per la tua attività di consulente assicurativo.


Open modal
Se hai trovato interessante questo post, condividilo con i tuoi amici e lasciaci un commento qui sotto. Grazie!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I commenti sono chiusi.